Come respirare durante la danza – I tipi di respirazione

di Ilona Restauri.

La respirazione è un atto che, involontariamente può essere interrotto, soprattutto durante gli sforzi. Questo è deleterio per le prestazioni nella danza. Imparare a respirare correttamente è fondamentale, vediamo come farlo.

Forse non te ne rendi conto, magari proprio non lo sai, ma è possibile che durante un salto, o subito prima di un developpé tu, presa e concentrata nella sua preparazione, smetta di respirare. Nella mia esperienza ho visto centinaia di ragazze ballare in apnee tanto lunghe da fare invidia a Pelizzari. E questo non va bene!

Una respirazione corretta ti consente di:

  • raggiungere la miglior performance con il minor sforzo;
  • ottimizzare le tue energie;
  • rendere più pronto il tuo muscolo;
  • affaticarti di meno;
  • rimanere più lucida.

E non basta respirare, bisogna saperlo fare ed allenarsi a cambiarne l’impostazione a seconda dell’attività svolta. Ma cominciamo dall’inizio e capiamo quali tipi di respirazione esistono, quando applicarli e come renderli automatici.

Non soltanto io penso che la respirazione sia importante, guarda.

La propriocezione interna: i gesti permanenti

Partiamo dalla postura interna al tuo corpo (poi arrivo alla respirazione, promesso). Nel Pilates e nello Yoga, due movimenti interni sono da imporsi e tenere costantemente:

  1. Scoop addominale (tipico del Pilates): è un movimento per cui devi avvicinare l’ombelico alla colonna vertebrale, premere verso l’interno il tuo ombelico, per avere l’addome sempre contratto. Questo gesto, questa contrazione, deve diventare una posizione per te naturale e deve essere mantenuta sempre, durante ogni attività. Nello Yoga questa posizione, questo gesto, si chiama Udjana Banda.
  2. Attivazione pavimento pelvico: trattieni gli sfinteri, in questo modo tieni tutto compresso. Anche questo gesto deve diventare permanente. (nello Yoga viene chiamato Mula Banda).

La costante contrazione di questo blocco muscolare, consente al tuo Core di essere più stabile, più forte. Mantenere questa posizione ti permette di non utilizzare muscoli sbagliati, non pronti. Nella danza si sente spesso dire di stringere i glutei, ma questo movimento deve arrivare dall’interno del corpo, proprio per avere un maggior controllo, ed anche una potenza più forte!

Ed adesso veniamo alla respirazione. Nella danza, io consiglio di effettuare una combinazione di 3 tipi di respirazione: la respirazione Pilates, quella Yoga e la respirazione Fitness.

La respirazione Pilates: respirazione laterale

  • INSPIRA col NASO gonfiando le costole lateralmente.
  • ESPIRA con la BOCCA chiudendo le costole.

Nella Respirazione laterale, la cassa toracica non interviene, è una respirazione diaframmatica, che coinvolge quindi la parte inferiore del torace, non quella superiore, come invece siamo abituati a fare.  E’ funzionale anche per il mantenimento della posizione delle spalle, che in questo modo rimangono basse, oltre a dare maggior forza al respiro, svuotando maggiormente i polmoni.

Qui un video che spiega molto bene come attivarla.

La respirazione Pilates è da utilizzare nei movimenti di equilibrio, statici, in quelli non aerobici, nei ritmati non saltati.

La respirazione Yoga

La respirazione Yoga è un movimento lento e ritmato. Devi inspirare ed espirare con il NASO sempre. E’ quella che consente di rilassare maggiormente il corpo e la muscolatura. Questo tipo di respirazione è molto utile in quanto ti consente la massima concentrazione.

Espirare con il naso significa impiegare più forza nello svuotamento del polmone che quindi nel movimento contrario, quando inspiri sarà più pronto a riceve una maggior quantità d’aria.

La respirazione Yoga è funzionale alla concentrazione per due motivi:

Un motivo funzionale: le cavità nasali riscaldano e rallentano l’aria inspirata consentendo una respirazione più armonica e regolare con benefici per la mente.

Ed un motivo energetico: il controllo del respiro consente anche il controllo della mente.

Quando sei in collera o angosciata o impaurita, hai il respiro corto, accelerato. Al contrario, quando sei rilassata e tranquilla il tuo respiro è lento. E’ il corpo che modula la mente e viceversa, per cui se impari a controllare il respiro, impari anche a controllare la mente.

La respirazione Yoga è da utilizzare durante lo streching attivo, gamba alla sbarra, Penchè, Cambrè, Piede alla mano ecc. Attraverso questa respirazione sarai più concentrata sul tuo streching, il punto di dolore sarà più lontano, potrai andare più in profondità, perché lo controlli meglio con la mente. E sarai più consapevole del tuo corpo.

La respirazione Fitness

E’ una respirazione a BOCCA sempre aperta (nella corsa), mentre è a bocca aperta nella espirazione e chiusa nell’ inspirazione, nei movimenti anaerobici (pesi). E’ quella più naturale che consente lo scambio di una maggior quantità di aria e quindi ossigeno ai muscoli, durante allenamenti aerobici.

Quando fai uno sforzo singolo devi espirare, ed in generale, mentre fai sequenze di grandi salti utilizzerai questa respirazione. La respirazione Fitness a bocca aperta è da utilizzare in tutti gli esercizi aerobici, movimenti in velocità: come durante i piccoli salti e Maneges, i Grandi Valzer, ecc ecc.

Ilona Restauri

Fonte: Facebook

Share on Facebook9Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Share on Reddit0Share on Google+0Print this pageEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *