Disegnare gatti per gli altri

di Lucia Tremiti.

In una nota Casa di Riposo una signora, ospite della struttura, è solita disegnare gatti. Chi va a fare visita alle degenti si imbatte, nel salone comune, in un gruppo di signore, alcune non più autosufficienti, che intorno ad un lungo tavolo attendono i disegni che l’amica fa per loro.

Molti pomeriggi li passano così: colorando. Sono disegni fantastici fedeli alla realtà. Il personale che opera nella struttura riferisce che la disegnatrice, molto apprezzata in passato, era solita fare mostre alle Terme di Chianciano. Colorare fa bene, lo asserisce anche il New York Times, ha degli effetti benefici sull’umore perché favorisce la concentrazione e aiuta a scaricare lo stress.

Carl Jung, mandala e stati mentali

Lo aveva dichiarato anche lo psicologo Carl Jung che colorare modelli pre-disegnati come i mandala, disegni circolari originari dell’India, riduce ansia e umore negativo. Gli stessi libri da colorare piacciano sempre di più: Creative cast coloring books e Secret Garden occupano le prime 5 posizioni della classifica dei best seller.

Possiamo ben dire che colorare sta divenendo una moda. Ha un ruolo importante anche la scelta dei colori perché rivela gli effetti emotivi, oltre che evidenziare, con la scelta di un pastello invece che di un altro, lo stato d’animo. Del resto concentrarsi su azioni semplici e ripetitive aiuta a staccare, concilia uno stato mentale libero, distoglie dalle preoccupazioni, é un’attività d’evasione, con benefici simili a quelli di passatempi come lavorare a maglia.

I vantaggi del coloring

Il coloring offre l’ulteriore vantaggio di riportarci ai tempi spensierati della nostra infanzia. Colorare in compagnia invece, fare coloring come attività di gruppo, attiva tutta una serie di meccanismi positivi dati dallo stare insieme e condividere con gli altri.

Le nostre signore oltre ad essere alla moda hanno trovato una particolare forma per stare insieme. Alcuni dei visitatori della Casa di Riposo, compresa la mia mamma, si sono ripromessi di regalare loro delle scatole di pastelli coscienti che se ci fosse ancora un premio delle bontà lo prenderebbe sicuramente questa disegnatrice per la sua attività quotidiana di attenzione all’altro.

Lucia Tremiti

Share on Facebook8Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Share on Reddit0Share on Google+1Print this pageEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *