Il Mal Vivere

di Luce Argentea.

Quando il motivo principale per il quale si esiste, è sopravvivere e non vivere! Quando la realtá che si presenta di fronte a noi risulta incompatibile ed estremamente distante dalla nostra concezione… e quando ci sentiamo corpi invisibili in mezzo al visibile, possiamo affermare con certezza, che soffriamo di un Mal Vivere.

È un inadattamento perenne e continuo in contesti dentro ai quali agiamo, un’allergia quotidiana verso il genere umano, e verso il pianeta stesso che generosamente ci accoglie. Il Mal Vivere, è un malanno dell’anima. Chi ne soffre, fatica a trovare la propria dimensione, a entrare in contatto con il ritmo terreno, con i parametri che la societá e l’esistenza pare pretendere da noi.

Il Mal Vivere, ci isola da tutto e da tutti, come una malattia allo stadio terminale, dove si è in bilico tra la vita e la morte. Dove gli spazi si sfasano e ogni genere di rumore urta il nostro udito. Purtroppo non esiste una vera e propria cura, ma un modo per uscirne sí: si chiama Cambiamento di Prospettiva, dove l’individuo sposta le sue aspettative su un piano diverso, più luminoso e meno complicato.

Una presa di posizione e consapevolezza, tale da riuscire a modificare la concettualitá di noi stessi. Prendere atto dell’esistenza di un tipo di societá, di un tipo di pensiero e agire di conseguenza! Rimanere sempre se stessi, ma nel contempo, trasformare le nostre incapacitá in potenziali alternativi, qualcosa che possa giungere al cuore delle menti e catturarle per sempre.

Il Mal Vivere, allenta la presa, quando la visuale che assumiamo non è più un ostacolo ma un marchio che ci differenzia dalla massa comune. Potenziatela ed acuite questa vostra particolaritá!! Permettete agli altri di intravedere in voi, non un handicap sociale ma una genialitá da estrarre, una stella capace di illuminare il cielo…

Luce Argentea

Fonte: Sito web

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Share on Reddit0Share on Google+0Print this pageEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *