La Leggenda della Chioccia d’Oro

di Lucia Tremiti.

Se la gallina cova rancore il pulcino nasce arrabbiato! – mi diceva la mia nonna ricordandomi un famoso proverbio.
Come la Chioccia d’Oro che è sempre alterata? – chiedevo io per sentirmi nuovamente narrare la sua magica storia.

Al centro di numerose leggende italiane si colloca un essere fantastico alquanto strano: la Chioccia d’Oro ed il migliaio di pulcini che porta sempre con sé. Questa Chioccia custodisce un tesoro ed esce dal suo nascondiglio nelle notti di luna piena insieme ai suoi pulcini, anch’essi tutti d’oro.

Pigolano tutti intorno alla madre e mai le si distaccano. Quasi una sorta di amuleto magico dotato di vita propria odia essere vista, adora il silenzio e la quiete notturna ed è per questo che è sempre arrabbiata perché numerose sono le persone che la vanno a cercare. Nessun uomo però è mai riuscito a prenderla perché le sue beccate sono feroci e il solo guardarla rende pazzi.

Tracce leggendarie della Chioccia d’Oro sono maggiormente in Toscana e precisamente in Lunigiana, in Garfagnana, in Valdichiana ed in Casentino. Le ricerche sono perennemente in atto ma per ora nessuno è riuscito a portarsi a casa il tesoro ed il magico amuleto con i mille pulcini.

la-gallina-secca-tavola-di-carlo-castellani-lucia-tremiti
La Gallina Secca – Tavola di Carlo Castellani

Abbiamo però un indizio importante: la Chioccia non è certamente magra e smunta come quella nella favola della Gallina Secca che si recò in montagna per mangiare bene e riuscire così a scoccodellare, ma satolla e tempestata di gemme preziose. In Valdichiana la Chioccia d’Oro è legata alla città di Montepulciano e alle gesta del re etrusco Porsenna.

Se ne indica anche la collocazione:

Tra Totona e Totonella c’è la tomba del re Porsenna, tra Totona e Cappuccini c’è la Chioccia coi Pulcini!

Porsenna fu un lucumone etrusco della città di Chiusi, passato alla storia per il suo intervento militare contro Roma, a sostegno di Tarquinio il Superbo che era stato tagliato fuori dal potere dalla proclamazione della Repubblica. Alcuni sono convinti che non sia mai esistito anche se di lui scrivono sia Plutarco che Plinio il Vecchio e la tradizione romana lo colloca intorno alla fine del VI secolo a. C.

Cosa lega però Montepulciano dove sono collocati i monti di Totona, Totonella e Cappuccini al re Porsenna che era di Chiusi? Forse il lucumone preferiva Montepulciano perché l’aria era più salubre?!? Si narra comunque che si sia fatto tumulare proprio a Montepulciano su di una quadriglia aurea completa di cavalli dello stesso materiale.

chioccia-di-teodolinda-lucia-tremiti
Chioccia di Teodolinda

Del tesoro funerario di Porsenna pare facesse parte anche la Chioccia d’Oro coi pulcini. Numerose sono state le ricerche della tomba di Porsenna ed il suo tesoro ma vane, fino ad oggi, tutte le imprese.  In giro per l’Italia e precisamente a Monza nel tesoro del Duomo c’è un gioiello d’oreficeria paleocristiana: una chioccia d’oro con sette pulcini, forse donato alla regina Teodolinda.

Ma cosa rappresenta la chioccia coi pulcini?

Le tesi sono molte e diverse: la continuità della vita? La Chiesa che protegge i fedeli? Un simbolo di fecondità per la Regina? Teodolinda e le sette province longobarde? Le ricerche della Chioccia sono ancora in atto.

Consiglio vivamente a chi la dovesse trovare di non essere ingordi come il contadino nella favola della Gallina dalle Uova d’Oro di Esopo che non bastandogli un uovo d’oro al giorno, spinto dall’avidità di arricchirsi, uccise la gallina per vedere se dentro era fatta del prezioso metallo ma la scoprì come le altre e perse la possibilità di avere quanto aveva ricevuto fino a quel momento.

Se poi invece ci accontentiamo solo di sognarla con i suoi pulcini ci assicureremo un matrimonio felice ed una famiglia numerosa e, di questi tempi, scusate se è poco!!!

Lucia Tremiti

Share on Facebook18Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Share on Reddit0Share on Google+1Print this pageEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *