Tutto è istruzione e diventa cultura

di Meri Lolini.

Prepararsi con un percorso scolastico adeguato alle aspettative degli studenti e che sia in sincronia con le loro preferenze di materie e che sia in grado di far scattare la passione per questi studi, per poi accedere ad un lavoro. Sono queste le problematiche che incontrano i giovani quando terminano la scuola dell’obbligo.

La vera riuscita di un percorso di studi si ha quando dall’istruzione si passa alla cultura dell’individuo, che è saper leggere per apprendere queste letture e studi dopo costituiranno la sua cultura. Appartiene alla mentalità collettiva che le materie scientifiche e matematiche siano più difficili, mentre le materie letterarie sono viste più facili da studiare.

Studiare per avere una cultura scientifica, significa arrivare a comprendere accadimenti naturali sia di tipo chimico, biologico che fisico ed i calcoli necessari per valutare questi processi sono resi possibili della nostra conoscenza della matematica e quindi tutte le materie scientifiche sono in stretta relazione affinchè si sviluppi la cultura scientifica.

Comprendere che l’olio galleggia sull’acqua per differenza di peso specifico e che tutto cade a terra perché esiste la forza di gravità è utile a tutte le persone e facile da capire. Consideriamo che la relazione tra la comprensione di un testo sia letterario che scientifico è facilitata dalla nostra conoscenza della lingua, che è l’italiano per tutti noi.

Quanto sono importanti le materie scientifiche e letterarie?

Appassionarsi alla comprensione di processi scientifici naturali, che si verificano quotidianamente, è potersi spiegare che cosa accade e perché accade nel dettaglio e ricordiamoci che per tutto c’è un perché. Da tutto questo ne consegue che non possiamo trascurare lo studio delle materie letterarie se ci indirizziamo verso quelle scientifiche ed allo stesso tempo è necessario avere una cultura scientifica di base, anche per affrontare un semplice episodio febbrile.

Per quanto riguarda la mia esperienza io svolgo una professione scientifica da sempre, ma senza la conoscenza delle materie letterarie non sarebbe stato realizzabile l’apprendimento durante la lettura e lo studio delle varie materie, che quotidianamente contribuiscono all’apprendimento necessario.

La conclusione di questo pensiero è che gli studenti devono studiare per costruirsi una cultura, che sarà più o meno letteraria o scientifica in base alle loro scelte, ma consideriamo che la senza la cultura non esiste la conoscenza e la conseguente possibilità di scegliere.

Meri Lolini

Share on Facebook70Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn3Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Share on Reddit0Share on Google+0Print this pageEmail this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *